Percorsi. Scienze sociali tra Italia e Portogallo

Percorsi. Scienze sociali tra Italia e Portogallo

Guya Accornero, Annarita Gori, Daniele Serapiglia (eds.)

(BraDypUS Communicating Cultural Heritage, Roma 2017)

Questo volume raccoglie i risultati delle ricerche di alcuni studiosi italiani che si sono occupati del Portogallo da diverse prospettive. Esplorando vari ‘percorsi’ delle scienze sociali e umane, dalla metà dell’800 ai giorni nostri, il libro offre uno spaccato sul paese iberico che illumina, attraverso analisi rigorose e originali, gli aspetti che lo contraddistinguono a livello storico, politico, sociale e artistico. Primo e ultimo impero coloniale dell’occidente, luogo di una delle più longeve dittature contemporanee, geograficamente situato nell’Europa del sud, ma allo stesso tempo bagnato dall’Oceano Atlantico, il Portogallo offre svariati punti di riflessione su continuità e discontinuità rispetto al bacino in cui si trova e ai fenomeni che l’hanno attraversato.

Guya Accornero è ricercatrice senior al Centro de Investigação e Estudos de Sociologia dell’Instituto Universitário di Lisbona. È stata visiting scholar al Centro de Estudios Avanzados en Ciencias Sociales (Madrid), al Centre de Recherche sur l’Action Politique (Lausanne) e al Graduate Center della City University di New York. È autrice della monografia The Revolution before the Revolution. Late Authoritarianism and Student Protest in Portugal.

Annarita Gori è ricercatrice presso l’Instituto de Ciências Sociais da Universidade de Lisboa. È stata visiting scholar presso il Department of Italian Studies – Casa Zerilli Marimó della New York University e presso il Centre d’Histoire di Sciences Po a Parigi. È autrice della monografia Tra patria e campanile. Ritualità civili e identità politiche a Firenze in età giolittiana.

Daniele Serapiglia è ricercatore integrato dell’Instituto de História Contemporânea da Faculdade de Ciências Sociais e Humana da Universidade Nova de Lisboa, grazie a una borsa post-dottorato mista FCT, in collaborazione con il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna. È visiting scholar presso la Universidad Europea de Madrid. È autore della monografia La via portoghese al corporativismo.


Indice

  • Presentazione di António Costa Pinto
  • Introduzione di Guya Accornero, Annarita Gori, Daniele Serapiglia

Parte I. Estado Novo: dittatura e opposizione

  • Il corporativismo lusitano tra il fascio e la croce di Daniele Serapiglia
  • L’ultima risorsa. Il discorso politico del salazarismo sulla Guerra civile spagnola. Ipotesi di ricerca e note sulle fonti di Paola Lo Cascio
  • Studenti, movimenti sociali e radicalizzazione politica tra la ne dell’Estado Novo e la rivoluzione dei garofani di Guya Accornero

Parte II. Percorsi di arte e cultura

  • La “Lisbona italiana” dimenticata: presenza e luoghi di vita degli italiani in città all’inizio dell’800 di Carmine Cassino
  • António Ferro: fascinazioni italiane e soluzioni portoghesi di Annarita Gori
  • Sulla tendenza indisciplinare del cinema portoghese: esempi di analisi di Caterina Cucinotta

Parte III. Crisi, partecipazione e governance nel Portogallo di oggi

  • I partiti politici portoghesi e la democrazia intra-partitica di Isabella Razzuoli
  • Le crisi della rappresentanza in Portogallo: democrazia diretta e autocrazia di Goffredo Adinolfi
  • Partecipazione della società civile nelle politiche pubbliche. Perché (non) valutare? di Roberto Falanga

Gli autori

 

Qui la pagina web dell’editore.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *