19 novembre 2016 – Lucio Gambi, Ravenna e la Romagna

convegnogambi_1

convegno di studi

sabato 19 novembre 2016

Ravenna, Biblioteca Classense, sala Muratori

Lucio Gambi, Ravenna e la Romagna.

Un geografo per la storia

 

A Ravenna, a dieci anni dalla scomparsa, si ricorda Lucio Gambi (Ravenna, 1920 – Firenze, 2006), uno dei più importanti geografi del Novecento.

Docente nelle Università di Messina, di Milano e poi professore di geografia politica ed economica alla Alma Mater di Bologna (dove fu anche Presidente di Corso di Laurea e Direttore di dipartimento) ha lasciato un contributo fondamentale negli studi geografici non solo italiani.

Primo Presidente dell’Istituto dei Beni Culturali nel periodo 1975-1976, è stato fra i protagonisti del dibattito culturale e politico che, a partire dagli anni ’60, ha percorso le università italiane e ha accompagnato l’attuazione delle Regioni.

Per i suoi lavori, improntati alla trasversalità di visione, alla pluralità di approcci e all’apertura di percorsi conoscitivi originali, è considerato uno dei maggiori innovatori del XX secolo in ambito geografico.

Lucio Gambi ha voluto lasciare la sua vasta biblioteca e le carte dell’archivio personale alla Biblioteca Classense di Ravenna.

Sabato 19 novembre 2016 si terrà alla Biblioteca Classense un convegno per ricordare la sua lezione e il suo contributo agli studi storici e geografici sulla Romagna, sua terra natale.

 

ore 9,30 – Saluti delle autorità

Francesco Ubertini, Magnifico Rettore Università di Bologna

Elsa Signorino, Assessore alla Cultura Comune di Ravenna

 

Interventi di:

Claudia Giuliani, Istituzione Biblioteca Classense

Gabriella Poma, Società di Studi Romagnoli

Francesca Sofia, Dipartimento di Storie Culture Civiltà

 

ore 10,00 – I saperi e la cultura

Franco Farinelli, La cartografia tra storia e geografia: la lezione di Lucio Gambi (e qualcuno dei suoi esiti)

Angelo Varni, Le ragioni della nascita dell’IBC

Maurizio Ridolfi, Romagna/Romagne: una storia plurale

Roberto Balzani, Lucio Gambi e la tradizione culturale romagnola

Elide Casali, “Narrare a sbalzo”. Aspetti e forme della cultura folclorica in Romagna.

Anna Tonelli, Igiene, salute, medicina: i percorsi della storia sociale

 

ore 14,30 – Gli uomini e lo spazio

Franco Cazzola, Acque, fiumi e lavoro umano nella costruzione della bassa pianura emiliano-romagnola

Fiorenzo Landi, Il paesaggio agrario

Giordano Conti, Architettura rurale e tipologia edilizia nella lezione di Lucio Gambi

Maria Lucia De Nicolò, Dalla laguna ai litorale romagnolo. Migrazioni stagionali e origine delle comunità di pescatori nell’età moderna

Dante Bolognesi, Popolazione e realtà regionale. L’evoluzione demografica in Romagna

Carla Giovannini, Il litorale e le vocazioni ambientali

 

Interventi, dibattito, conclusioni

 

Enti promotori: Comune di Ravenna, Istituzione Biblioteca Classense, Società di Studi Romagnoli

Patrocinio: Università di Bologna, Deputazione di Storia patria per le province di Romagna, Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Contributo: Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna

 


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search