15 novembre 2016 – Presentazione a Roma del volume “Public History. A Textbook of Practice” di Thomas Cauvin

cauvin-textbookBiblioteca di storia moderna e contemporanea

 Comunicato stampa

 Public History

 Martedì 15 novembre 2016, alle ore 17.00, presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea (Palazzo Mattei di Giove Via Michelangelo Caetani 32, Roma), sarà presentato il volume Public History. A Textbook of Practice di Thomas Cauvin, Routeldge, 2016. Intervengono: Paolo Bertella Farnetti, Agostino Bistarelli, Chiara Ottaviano. Coordina: Marco De Nicolò. Sarà presente l’autore

 Il volume è una guida per le numerose sfide che gli storici affrontano quando insegnano, apprendono, e praticano la Public History. Gli storici possono giocare un ruolo attivo e fondamentale per contribuire alla pubblica comprensione del passato, e coloro che operano nella conservazione storica, nei musei e negli archivi, nelle agenzie governative, nell’area dell’industria dei contenuti e dei mass media come consulenti, come storici orali, o come responsabili di progetti di crowdsourcing, necessitano di competenze specifiche. Questo libro unisce teoria e pratica e fornisce a studenti e professionisti gli strumenti per praticare la public history in un’ampia gamma di contesti. Il testo approfondisce questioni chiave come partecipazione pubblica, strumenti e mezzi digitali, e l’internazionalizzazione della public history. La prima parte si concentra sulle fonti per la public history, e offre una panoramica su creazione, raccolta, gestione e conservazione dei materiali (archivi, cultura materiale, storie orali, sorgenti digitali). I capitoli trattano siti e istituzioni come archivi e musei, edifici storici e monumenti, e pratiche come la gestione delle raccolte, la conservazione (di archivi cartacei,  oggetti, beni audiovisivi, edifici, siti storici e paesaggistici), la storia orale, e la genealogia. La seconda parte esamina i diversi modi con cui i professionisti della public history possono produrre narrazioni storiche, attraverso mostre, mezzi audiovisivi, testi e strumenti digitali. L’ultima parte esplora le sfide e gli aspetti etici del lavoro a contatto con differenti comunità ed istituzioni. Il libro, sia come corso metodologico che come risorsa per la pratica della public history, getta le basi per una comunicazione proficua tra fonti storiche e grande pubblico.

 Thomas Cauvin insegna Storia alla University of Louisiana di Lafayette.

 Paolo Bertella Farnetti insegna Elementi di Public History al Master in Public History dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

 Agostino Bistarelli è docente di storia e filosofia nei licei e referente per la ricerca della Giunta centrale per gli studi storici.

 Marco De Nicolò insegna Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Cassino.

 Chiara Ottaviano dirige Cliomedia Officina. Fa parte del Comitato Costituente dell’Associazione Italiana di Public History.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search