Maurizio Ridolfi su scissione del PD e passioni politiche

.

Intervista di Maurizio Ridolfi

su “la Repubblica”, 12 febbraio 2017, p. 02 (sez. Cronaca)

 

.

“Il dolore della perdita d’identità, ai militanti ora manca un sogno”

MARIA CRISTINA CARRATÙ

Nelle ore della scissione, un nuovo psicodramma agita il Partito democratico. È il dolore della passione tradita, il senso di privazione di un’appartenenza, bene o male custodita da militanti e simpatizzanti anche in questi anni senza più bussole politiche, e nonostante le lotte per la leadership. C’è anche questo, dentro il nuovo passaggio difficile della vita dei dem, spiega Maurizio Ridolfi, storico, docente di storia contemporanea all’università della Tuscia e autore di Italia a colori. Storia delle passioni politiche dalla caduta del fascismo ad oggi, rilettura in chiave passionale, appunto, della nostra storia recente.

Professore, quello che sta accadendo in queste ore nel Pd è tutta e soltanto un questione di date di congresso e di equilibri di correnti?

«Ancora oggi, in realtà, chi milita in un partito, sopratutto a sinistra, avverte un forte senso di comunità e di appartenenza, un riconoscersi in quello che fa insieme ad altri, senza il quale, del resto, con tutti i potenziali interessi oggi a disposizione, non si impegnerebbe affatto. Si spiega perciò come, a prescindere dai meriti o dalle colpe di questo o quel dirigente, dal richiamo delle correnti, emerga fra i militanti il timore di perdere il partito, che rappresenta tutto questo. Con l’aggravante, in questo caso specifico, che la scissione non si accompagna nemmeno a una qualche prospettiva, come è accaduto nel ’21, a qualcosa di bello da ricostruire, a una mobilitazione nuova. No, qui, nella base che assiste impotente alle decisioni dei dirigenti, c’è solo smarrimento, senso di privazione e di abbandono ».

Dunque, non è vero che la politica ha messo al bando la passione, alias il colore della bandiera?

«No, anzi, mi sembra che si stia determinando una sorta di reazione all’idea diffusa che la politica sia appannaggio di un gruppo dirigente guidato da un leader capace di comunicazione. L’eccesso di personalizzazione, cominciata con Berlusconi e proseguita con Renzi, non basta ad animare una militanza, o anche solo una simpatia politica durature. La camicia bianca esibita da Renzi, dopo tanto rosso, e dopo la fase incerta di un “tricolore” del partito nazionale, era sembrata una sorta di pagina bianca da cui ripartire, solo che i militanti non si sono sentiti coinvolti nella sua “scrittura”».

Ma la reazione all’appiattimento sul leader, potrebbe aver sbocchi diversi dal semplice disamore per la militanza, o per la politica in generale?

«Sono convinto che possano darsi sbocchi diversi da quelli del partito tradizionale, la cui emorragia di iscrizioni fa poco sperare. Qualcosa di simile a ciò che avveniva prima del periodo d’oro dei partiti novecenteschi, fra prima guerra mondiale e anni ‘60-‘70: quando si faceva politica attraverso una germinazione spontanea di iniziative, nel volontariato, nell’associazionismo, in realtà di tipo ricreativo, solidale, sociale, anche economico, molto simili a quelle che anche oggi continuano a mobilitare e raccogliere adesioni. Ovviamente in forme nuove, occorre che qualcuno tiri poi le fila di tutto ciò, in modo da trasformare il senso civico diffuso in mobilitazione politica vera e propria».

Una via “esterna” alla rifondazione della militanza di partito. Il futuro del Pd dipende da questo?

«È questo, secondo me, che oggi è chiamato a fare di nuovo il Pd, perché, anziché il grigio, qualche altro colore vero possa di nuovo connotarne la presenza sulla scena politica».


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search