Marco Cuzzi, Dal Risorgimento al Mondo nuovo. La massoneria italiana nella Prima guerra mondiale

 

 

Marco Cuzzi

Dal Risorgimento al Mondo nuovo
La massoneria italiana nella Prima guerra mondiale

 

Collana Quaderni di Storia, diretta da Fulvio Cammarano
Pagine X-406
Prezzo 28 euro
Editore Le Monnier
In libreria 18 marzo 2017

 

Non esiste studio sulla Grande Guerra italiana che non veda citata la massoneria. Quest’ultima appare di continuo nel racconto del conflitto, ma, così come compare, tende ad eclissarsi rapidamente, almeno nella grande divulgazione. La massoneria italiana viene segnalata come partecipante alle manifestazioni interventiste, la sua presenza è confermata durante le mobilitazioni e gli impegni solidali nel corso della guerra, viene ricordata la presenza dei suoi labari alle celebrazioni della vittoria. Spesso, però, questo racconto rimane episodico e ci si limita ad evocare la presenza dell’organizzazione che “resta lì, nell’ombra delle sue Logge illuminate dai ceri, incappucciata e imperscrutabile”.
Dal maggio 1915 i massoni si mobilitarono con tutte le loro «logge» nel cosiddetto «fronte interno», con azioni di propaganda e di solidarietà, affiancando le autorità nell’individuazione degli elementi disfattisti e dei sabotatori, e trasformandosi pertanto in una sorta di «milizia civile». Il conflitto rappresentava per i massoni il compimento del Risorgimento e la sua evoluzione verso un «Mondo nuovo» dominato dalla democrazia e dall’armonia tra i popoli. Ma il nazionalismo sempre più radicale avrebbe dominato i massoni, che sarebbero giunti all’appuntamento con il dopoguerra profondamente trasformati, al pari dello Stato liberale che avevano contribuito a creare. Attraverso un’approfondita analisi dei documenti disponibili, in gran parte inediti, il libro dello storico Marco Cuzzi si propone di dare un contributo significativo alla comprensione di quel particolare periodo della nostra storia, restituendo dignità storica alla massoneria italiana durante la Prima guerra mondiale e ricostruendo le complicate dinamiche delle Obbedienze massoniche nazionali con un lavoro che non è, come dichiara l’autore nella sua prefazione, “né scandalistico né agiografico né denigratorio, ma si limita ad essere […] un lavoro storico”.

L’autore
Marco Cuzzi insegna Storia contemporanea all’Università degli Studi di Milano. Si è occupato di storia del fascismo e delle vicende legate al confine orientale d’Italia. Da diverso tempo studia la storia della massoneria italiana, ed è membro di diversi comitati scientifici. Tra le sue pubblicazioni: L’occupazione italiana della Slovenia (USSME, 1998), L’internazionale della Camicie nere. I CAUR (Mursia, 2006), Antieuropa: il fascismo universale di Mussolini (M&B Publishing, 2007), Vivere ai tempi della Repubblica sociale italiana (Compagnia della Stampa, 2008), Istria, Quarnero, Dalmazia. Storia di una regione contesa (LEG, 2009). Tra gli altri studi si ricordano: Sui campi di Borgogna. I volontari garibaldini nelle Argonne (Biblion, 2015) e Cibo di guerra. Sofferenze e privazioni nell’Italia dei conflitti mondiali (BIM, 2015).

 

Indice

Introduzione

  1. Cosmopolitismo e patriottismo
  2. La Massoneria nella neutralità (1914)
  3. Intervento e impegno in guerra (1915-1916)
  4. La Caporetto massonica (1917)
  5. Verso il “Mondo Nuovo” (1918)

Conclusioni

Bibliografia e fonti

Indice dei nomi.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.