Serge Noiret su Public History e Unione Europea

 

Serge Noiret

interviene sul tema

La Public History, medicina necessaria nell’Unione Europea oggi

sul sito della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli,

che inaugura un Master di I livello in Public History.

 

«I cittadini europei si trovano ad affrontare una crisi globale del progetto politico ed istituzionale più importante del ventesimo secolo, quello dell’Unione Europea. Tuttavia, essi sono anche i diretti protagonisti di questa crisi che è anche crisi della storia e di un’agenda per una storia condivisa del travagliato passato europeo. Oggi, in molti paesi, è in corso una reinterpretazione del passato in chiave nazionalista e “patriottica”. Essa propone al pubblico veri “romanzi nazionali”, leggende di parte ed interpretazioni inattendibili del passato dal punto di visto storiografico. Luoghi di memoria attivi nel presente rispondono agli imperativi di una politica xenofoba, isolazionista ed illiberale. Si abusa della storia in pubblico per mobilitare le coscienze dei cittadini in funzione di una rivisitazione della storia nazionale. Si costruiscono liturgie laiche spesso “contro” gli altri e non per superare conflitti atavici. Si giustificano politiche di ripiegamento e di chiusura all’interno di frontiere nazionali (a quando nuove rivendicazioni territoriali di tipo ottocentesco?), si costruiscono muri prima di tutto nelle coscienze, si rigettano valori istituzionali e di cittadinanza derivanti dalla rivoluzione francese in nome di reinventate purezze di culture tradizionali contro le “contaminazioni” di un globalismo che ne sovvertirebbe la memoria […]».

 

Leggi l’integralità dell’intervento qui

 

 


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search