1917. Ottobre rosso

.
.
.
.

E’ uscito, con il «Corriere della Sera», il volume a più voci 1917 Ottobre Rosso. La rivoluzione russa: i fatti, i protagonisti, il mito, a cura di Antonio Carioti, che rimarrà in edicola due mesi. Questa raccolta di saggi, con prefazione di Sergio Romano e introduzione di Ernesto Galli della Loggia, ripercorre e analizza le vicende della rivoluzione russa a cento anni dall’insurrezione che portò al potere il Partito bolscevico fondato da Lenin. Comprende interviste al regista Nikita Mikhalkov, allo storico Boris Kolonitsky e allo studioso Guy Mettan.

Le ragioni per cui il regime dello zar fu travolto dalla guerra sono analizzate da Lorenzo Cremonesi. Antonella Salomoni ricostruisce l’avvento e il consolidamento del potere sovietico, soffermandosi sul tema dell’economia, mentre Giovanni Codevilla si occupa della politica antireligiosa dei bolscevichi e Luigi Magarotto descrive il loro rapporto con gli intellettuali, specie scrittori e poeti. Antonio Moscato rievoca la figura di Lev Trotsky, protagonista della rivoluzione il cui ruolo venne poi cancellato dal suo nemico Stalin, mentre Luciano Canfora ricostruisce il modo in cui lo stesso Stalin riuscì a imporsi dopo la morte di Lenin, che pure aveva espresso giudizi severi nei suoi riguardi. Marcello Flores analizza il fallimento del tentativo di estendere la rivoluzione in Europa e Natalia Terekhova si occupa del rapporto tra i bolscevichi e i socialisti italiani. Fabrizio Dragosei nota come il regime russo di Vladimir Putin preferisca non celebrare il centenario dell’Ottobre.

Gli autori

Marta Allevato, Luciano Canfora, Antonio Carioti, Giovanni Codevilla,  Lorenzo Cremonesi, Fabrizio Dragosei, Marcello Flores, Ernesto Galli della Loggia, Boris Kolonitsky, Luigi Magarotto, Guy Mettan, Nikita Mikhalkov, Stefano Montefiori, Antonio Moscato, Sergio Romano, Antonella Salomoni, Natalia Terekhova, Paolo Valentino

Leggi l’intervento Cent’anni dopo, perché ha senso studiare ancora la Rivoluzione d’ottobre di Antonio Carioti


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.