Memoria e Ricerca 2024/1

 

Il primo fascicolo del 2024, curato da Beatrice Falcucci e Gianmarco Mancosu, è intitolato “Costruire l’esotico coloniale. Convergenze transmediali nell’Italia fascista”, ed esplora le molteplici manifestazioni dell’esotico all’interno della cultura coloniale italiana. Il fascicolo esamina l’articolazione dell’immaginario esotico e delle sue narrazioni durante il ventennio fascista, dimostrando come esse siano state impiegate strategicamente a fini politici e propagandistici. L’analisi abbraccia vari ambiti e casi di studio, dipanandosi tra letteratura, arti visive, cinema, fotografia, esposizioni e musica, ed esamina come i discorsi intorno all’esotico siano stati adattati e diffusi attraverso diverse piattaforme mediali. Questo approccio transmediale interpreta l’esotico come un discorso in evoluzione, influenzato da agende politiche e contesti culturali mutevoli. Inoltre, affrontando il tema del “ritorno” dell’esotico nell’Italia del dopoguerra, i saggi mettono in luce alcune delle strategie culturali volte a rielaborare in maniera acritica il passato coloniale, riproponendo un’immagine dell’Africa come spazio selvaggio di avventura.

 

Tutte le informazioni su: Memoria e Ricerca. Rivista di Storia Contemporanea




Citare questo post
Manfredi Alberti (2024, 26 Marzo). Memoria e Ricerca 2024/1. Associazione Amici di Memoria e Ricerca. Recuperato il 20 Giugno 2024, da https://doi.org/10.58079/w45r

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search